Personalize Always. Personalize All.

Riconoscere e anticipare i gusti degli utenti.

È questo l’obiettivo di Adabra e della tecnologia che mette a disposizione del mercato.

Dopo otto anni di attività, la piattaforma punta nel 2019 ad evolvere la propria tecnologia e a espandersi oltre i confini nazionali.
A spiegarlo è Gian Mario Infelici, Co-founder e Ceo di Adabra.

Come sta evolvendo il mercato MarTech italiano?

Nel corso degli ultimi 2 anni le società italiane hanno finalmente iniziato a percepire l’importanza di curare anche la fase del “PostClick”, non solo la fase di ricerca di traffico e nuovi clienti. Si stanno rendendo conto che ogni utente vada curato sin da quando interagisce come anonimo. Le tecnologie di Adabra permettono di riconoscere e anticipare i gusti degli utenti anche quando siano ancora anonimi. Dunque è possibile incrementare anche drammaticamente il tassi di conversione tra utenti anonimi e registrati.

E Adabra su cosa si sta concentrando?

Adabra è concentrata da sempre sulla creazione di nuovi algoritmi predittivi basati su Artificial Intelligence in grado di aiutare gli uffici marketing a prendere decisioni più efficaci e in seconda battuta ad automatizzare processi interni di marketing. Grazie alla nostra piattaforma è possibile far sì che ogni comunicazione e/o messaggio venga comunicato sia personale e personalizzato. Questo porta mediamente a un boost eccezionale nei Kpi conseguenti. L’importanza di comunicare in maniera personalizzata è nel corso di questi ultimi 2 anni maturata anche nelle aziende medio-piccole, divenendo un mantra quotidiano. Esiste addirittura un nuovo acronimo (ideato da Adabra, ndr) tra gli addetti ai lavori: P.a.P.a. Personalize Always, Personalize All.

Di recente si è tenuta la seconda edizione della vostra conferenza annuale. Cosa avete svelato quest’anno?

Abbiamo annunciato ben 6 nuovi algoritmi di intelligenza artificiale in grado di stabilire il miglior momento di sollecitazione su ogni canale. Ma c’è di più: recentemente è stato inaugurato il nostro nuovo visual editor per le comunicazioni direct, nativamente responsive e facile da usare anche per chi non abbia una
competenza specifica. Infine, abbiamo mostrato ai clienti la nuova interfaccia grafica dell’imminente restyling a cui abbiamo lavorato.


Come chiuderete l’anno e quali obiettivi avete per il 2019?

Siamo davvero molto contenti. In 2 quarter di anno, abbiamo superato anche le aspettative previste nei nostri budget annuali dunque, internamente c’è aria di grande soddisfazione. Gli obiettivi del 2019 sono chiari: espandere la nostra presenza oltre i confini italiani e colmare il gap tecnologico ancora esistente con alcune tecnologie di oltre oceano.

Avete notato un nuovo trend che secondo voi è destinato ad affermarsi?

Abbiamo investito nel corso degli ultimi 8 mesi nel prevedere il momento migliore durante il quale sollecitare ogni utente. Lo abbiamo chiamato TimeToMarketing e siamo certi che risponda a una precisa esigenza dei marketer: capire il momento migliore per ogni canale in cui sollecitare la specifica persona. Mi sento di scommettere positivamente in questo trend.

L'articolo è pubblicato su Engage Magazine

Tag Coinvolti in questo contenuto:

Altri articoli della stessa Categoria:

TTG a Rimini Fiera: una Ripartenza “Fisica" e “Digitale” verso una nuova Normalità

Marketing Automation per il Settore Travel: Adabra al TTG 2020

Adabra inserita nel Marketing Technology Landscape 2020

Ad Spray premiata come azienda più innovativa dalla Camera di Commercio

Marketing Experience Kit: tutto ciò che ti serve per creare una strategia di successo

Alcuni Articoli che Potrebbero Interessarti

Iscriviti alla nostra Newsletter

Scopri come Marketing Automation e Intelligenza Artificiale possono aiutarti a migliorare i tuoi risultati.